Centro Pannunzio - via Maria Vittoria, 35 H - 10123 Torino (TO) - Tel. (39) 011 8123023
info@centropannunzio.it

Saluto del Presidente Alan Friedman ai soci del Centro Pannunzio (settembre 2017):

Cari consoci, cari amici del Centro Pannunzio, innanzitutto un grazie cordiale per avermi eletto a succedere a Camillo Olivetti alla Presidenza della nostra stimata iniziativa culturale. Da americano è per me un grande onore essere Presidente di un’organizzazione così importante nella storia dell’Italia moderna, e avere come predecessori Mario Soldati, Arrigo Olivetti, e Alda Croce. Mi impegnerò con forza e passione per rendermi utile al Centro, e per me questo vuol dire combattere per la libertà di espressione e per il pensiero liberale.

Oggi, come mai prima, dobbiamo difendere i valori fondamentali dell’Europa e dell’Occidente, a cominciare dai diritti umani e dai diritti civili. A questi vanno aggiunti il diritto al lavoro e alla libertà di stampa. Dobbiamo ripristinare i nobili ideali della democrazia e non cedere alle fake news dei populisti, alla propaganda dei leader autoritari che cercano di delegittimare l’informazione e la libertà di espressione. Inoltre, a mio avviso, c’è bisogno di riflettere profondamente sullo stato delle cose, su come siamo arrivati a una situazione in cui le disuguaglianze di reddito e il disagio sociale in Italia, così come in America, tendono a nutrire il populismo e a facilitare il lavoro di politici con messaggi forti contro gli immigrati o contro le minoranze.

Ho accettato la Presidenza perché vorrei che il Centro Pannunzio diventi un faro nel buio in questo momento storico, una voce contro le democrazie illiberali e contro la soppressione della verità nel discorso pubblico. Un faro, come è sempre stato, ma di più ora, in questo momento difficile nell’Occidente.

Ecco le mie aspirazioni. Spero che siano condivise da tutti voi. Ora rimbocchiamoci le maniche. C’è tantoda fare.

--Alan Friedman, Presidente del Centro Pannunzio, Torino, settembre 2017

Cinquant'anni di vita e di attività, mezzo secolo.Un traguardo che pensavamo irraggiungibile. Il Centro "Pannunzio" compie 50 anni. Siamo orgogliosi del nostro passato, ma siamo anche consapevoli dei nostri errori. Il mondo è cambiato, le persone sono cambiate. Ha ancora un senso un'associazione che si richiami a Pannunzio? È un interrogativo che dobbiamo porci. La risposta debbono darla gli amici che ci seguono. Noi non molliamo perché una presenza libera e laica è oggi più che mai indispensabile. I fanatismi ideologici sono stati sconfitti, ma i fondamentalismi religiosi sono una minaccia. Si stanno manifestando minacciosi i populismi di segno opposto. Bisogna sconfiggerli in nome della ragione e della cultura. Si profilano orizzonti di guerra che vanno sconfitti in nome della pace. I valori dell'Occidente vanno difesi con coraggio, senza cedimenti. In fondo l'essere anticonformisti non passa mai di moda. Anche dopo 50 anni.

                                                             Pier Franco Quaglieni

gennaio 2017

 

Notiziario gennaio

Notiziario del mese di gennaio

10/01/2017 | Centro Pannunzio


Copertina libro Quaglieni

'L'ITALIA CIVILE 'di Quaglieni

10/01/2017 | Centro Pannunzio


L'imbecillità è una cosa seria

L'ultimo libro di Maurizio Ferraris

10/01/2017 | Centro Pannunzio


dicembre 2016

 




novembre 2016

 


Notiziario dicembre 2016

Notiziario del mese di dicembre 2016

24/11/2016 | Centro Pannunzio



Veronesi

Veronesi medico,scienziato,laico

20/11/2016 | Centro Pannunzio


Top